sabato 16 maggio 2015

Castiglione di Sicilia - Gole dell'Alcantara

Con l'arrivo delle belle giornate cresce la voglia di andare in giro a fare nuove scoperte.

Questa esigenza nasce anche dal fatto che durante la settimana il lavoro ci impegna particolarmente ed arriviamo al venerdi veramente esausti.

Così, quando arriva il sabato mattina, improvvisiamo una piccola gita che ci distrae, rilassa e ci mette un pò in movimento. Con l'oramai affezionato cesto da pic nic che ci accompagna durante queste mini avventure fuggiamo dal caos della città. Mettiamo dentro il necessario per appagare il nostro appetito e ci regaliamo una giornata tutta per noi.

Questo sabato abbiamo scelto come tappa Castiglione di Sicilia (fra i borghi più belli d'Italia) e le Gole dell'Alcantara.



Alle porte del paese, sperduta fra noccioleti e castagni, si incontra una piccola chiesa neo-medievale davvero graziosa: La Chiesa della Madonna di Lourdes dalla quale è possibile ammirare il panorama, nel suo insieme, di Castiglione arroccato su una collina.


Ecco arrivati a Castiglione! Questa è la Basilica della Madonna della Catena.


Di fianco alla cattedrale, una stradina in salita conduce al Castello di Lauria che domina tutto il borgo murato di Castiglione ed è ubicato nella parte più alta del centro urbano. Dal castello è visibile tutta la parte superiore della valle dell'Alcantara.


Superato il portone del castello si apre un androne scavato nella roccia. Molto suggestivo.

Con Nuccio salutiamo riflettendoci nelle acque del pozzo dove qualcuno aveva lasciato un foglietto dove c'era scritto "Ciao, Hello, Bonjour Castello di Lauria".


Altri particolari della città di Castiglione di Sicilia


Oggi, mi affascinavano i portoni antichi e le serrature :)


Finito il mini tour di Castiglione, abbiamo fatto il nostro pic nic nella Valle dell'Alcantara proprio sotto il paese. Una parte del fiume Alcantara che in realtà si estende per 50 chilometri e sfocia nel Mar Jonio.

E' stato bello perchè eravamo in una parte di sentiero meno turistico ma altrettanto affascinante.
E qui ho una foto anche io!


Abbiamo dato da mangiare ad un cagnetto randagio che aveva tantissima fame. Avevamo comprato del pane e se l'è finito tutto lui. Che tenero che era anche se, inizialmente, quando l'ho visto arrivare, mi sono messa paura.


Dopo, visto che c'eravamo, ci siamo diretti alle Gole del fiume Alcantara che è la parte più turistica e visitata. L'entrata si trova nel comune di Motta Camastra (ME). In pratica il fiume dell'Alcantara divide le città di Catania e Messina.


Un luogo ricco di natura.
Il nome Alcantara deriva dalla parola araba Al Quantarah, che significa "il ponte". Un paesaggio di impareggiabile bellezza per le caratteristiche geologiche, storiche e naturalistiche. Il parco fluviale dell'Alcantara comprende 12 comuni: Calatabiano, Castiglione di Sicilia, Gaggi, Giardini Naxos, Francavilla di Sicilia, Malvagna, Mojo Alcantara, Motta Camastra, Randazzo, Roccella Valdemone e Taormina.

Come dicevo, questa è l'entrata comunale da Motta Camastra e si raggiunge scendendo 200 gradini che poi bisogna risalire... eheheh
Esiste anche la possibilità di scendere con un ascensore ma è a pagamento quindi meglio mettere i moto le gambe! :) che fa anche bene!


Siamo così giunti alla fine della nostra avventura naturalistica e mentre ci trovavamo sulla strada di ritorno ecco che intravediamo una cappella molto particolare nel comune di Graniti. Non abbiamo resistito e ci siamo fermati per dare un'occhiata.
All'aperto con tanto di altare, acquasantiera e la madonna incastonata nella roccia.


Ecco conclusa la nostra mini fuga dalla città.

Un saluto da me e da Nuccio!

Nessun commento:

Ti potrebbero anche interessare:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...